Dove vivere felici: i Paesi più “felici” al mondo da visitare!

dove vivere felici: 3 paesi più felici al mondo

Ecco 3 Paesi con il più alto tasso di felicità al mondo! No, non sto scherzando! Scopriamo insieme perché questi sono i Paesi dove vivere felici.

Spesso mi capita di leggere sulle varie testate on line articoli del tipo: “Dove vivere felici: ecco i 10 Paesi più felici del mondo!” oppure “Quali sono i Paesi dove la gente vive felice?” e via dicendo.

Devo dire che sono sempre stato affascinato da questo tipo di articoli, anche se ogni volta la lista dei Paesi è diversa… se non ci credete leggete questo articolo e confrontatelo con quest’altro… è un  mistero!!!

In ogni caso anche se ognuno ha idee diverse su quale sia il posto più “happy” del pianeta bene o male alcuni nomi tornano sempre.

Così come le ragioni che rendono questi luoghi perfetti per una vita felice: ottimo welfare state, livelli di corruzione bassi o pressoché nulli, sistema educativi eccellenti, cultura civica invidiabile e molti atri fattori che in Italia vi dico levatevi, neanche ce li sogniamo!!!

Un Paese di questo tipo inoltre tratta in modo diverso il proprio territorio, arrivando a tutelarlo e proponendo iniziative mirate non solo alla salvaguardia dell’ambiente ma anche ad uno sviluppo tecnologico sostenibile (basti vedere i Paesi del Nord Europa e la loro corsa alle rinnovabili).

come vivere felici: istruzioni per l'uso

Tutto questo per dire cosa?

Semplice, ho deciso di estrapolare dalle moltissime liste 3 paesi che reputo davvero luoghi dove vivere felici, scelti in base a criteri che illustrerò.

In ognuno di questi 3 Paesi ho scelto un’esperienza unica da intraprendere per raggiungere la propria felicità e pace dei sensi.

Quindi bando alle ciance e scopriamo insieme quali sono questi 3 paesi dove vivere felici e poter riscoprire la propria stabilità interiore.

Tre Paesi dove vivere felici in giro per il mondo!

Il treno dei desideri in Nuova Zelanda

Come vi ho detto esistono tantissime liste sui Paesi dove vivere felici ognuna con nazioni diverse, ma in tutte, E DICO TUTTE, la Nuova Zelanda è sempre presente.

Eh già! Proprio la Nuova Zelanda!

La Svizzera dell’Oceania… La Germania dell’emisfero australe (oddio, ora penso di star esagerando!)

Scherzi a parte la Nuova Zelanda è uno dei Paesi al mondo dove il PIF è uno dei più alti.

Vi starete chiedendo cosa sia il PIF, ebbene è il corrispettivo del PIL ma misura la felicità di un popolo (Felicità Interna Lorda).

Non sto scherzando gente! Esiste davvero un’unità di misura del genere e in Nuova Zelanda è molto alta.

Sorvoliamo sul come si vive in Nuova Zelanda (se siete curiosi potete farvi un’idea grazie a questo post davvero molto interessante) e focalizziamoci sulle esperienze da fare per poter apprezzare al 100% questo Paese e sentirvi pieni di vita.

Tempo fa ho scrissi un articolo su come e dove organizzare una vacanza relax in Nuova Zelanda.

Anche in quel caso i punti di forza della Nuova Zelanda erano le sue terre selvagge e la natura incontaminata.

Non c’è modo migliore per sentirsi felici in Nuova Zelanda che esplorare le sue terre selvagge ed estreme.

Uno dei modo migliori di farlo è sul TranzCoastal, una delle linee ferroviarie più belle del mondo, e anche una delle più popolari della Nuova Zelanda.

treni panoramici nel mondo

La spettacolare vista che si gode dal treno. Picture by threefishsleeping.

Questa tratta ferroviaria parte da Picton e attraversa per 347 km tutta la costa dell’Oceano Pacifico fino a Christchurch. 

Un viaggio di 5 ore che vi farà scoprire alcuni dei luoghi più affascinanti del Paese.

Dalle finestre panoramiche dei vagoni vedrete scorrere scenari mozzafiato perfetti da immortalare in grandiose fotografie, come fiumi dall’andamento sinuoso, vigneti, picchi innevati, fattorie e campi coltivati e ovviamente l’immensità dell’Oceano Pacifico.

Tutto questo mentre sarete comodamente seduti sorseggiando del buon vino locale.

Per rendere ancora più unica questa esperienza allora scendete a Kaikoura, una pittoresca città peninsulare perfetta per gli amanti della fotografia.

Da qui è possibile prenotare diversi battelli per il Whale Whatching: la regione costiera in questione è una delle più ricche di biodiversità marina.

Balene, delfini, foche e chi più ne ha più ne metta… tutto questo arricchirà di certo la vostra esperienza neozelandese. Che ne pensate?

Insomma se volete realmente trasformare il vostro viaggio in Nuova Zelanda in qualcosa di unico prenotate e comprate i biglietti del TranzCoastal ed inseritelo in un itinerario più grande.

(ATTENZIONE: a causa di un terremoto che ha colpito la regione nel novembre del 2016 la linea sarà interrotta almeno fino all’autunno 2018!)

Questo è lo scenario che vi troverete davanti una volta scesi a Kaikoura! Picture by Bernard Spragg. NZ

La pace dei sensi in Bhutan

Tra in paesi dove vivere felici c’è anche il piccolo e lontano Bhutan!

E’ proprio qui che il PIF è stato creato e tocca livelli di epicità unica!

Nonostante il Bhutan sia un  lontano paesino orientale i suoi abitanti sono sono estremamente felici, anche se le condizioni sociali ed economiche non sono delle migliori.

E questo soprattutto grazie alla spiritualità che parte integrante della società in Bhutan.

Visitare questo mistico paese potrebbe risvegliare la vostra spiritualità, portavi pace interiore e farvi scoprire un nuovo tipo di felicità.

Tra tutte le esperienze che si possono fare (come assistere ad una gara di tiro con l’arco, sport nazionale in Bhutan), quella che consiglio è andare alla scoperta dei dzong, antiche fortezze-monastero che si trovano un po’ ovunque nel Paese.

A volte per raggiungerne alcune bisogna attraversare veri e propri percorsi trekking; potrebbe essere la scusa per fare un po’ di moto (si sa che l’attività fisica aiuta a generare seratonina, l’ormone della felicità).

Il monastero in Bhutan più ricco di atmosfera e che da soddisfazioni dal punto di vista del trekking è quello della “Tana della Tigre“.

Le escursioni alla volta del monastero (accessibile solo previa autorizzazione) partono da Paro, a due ore di camminata.

Lungo il sentiero attraverserete ponti di corda e foreste antichissime, vi imbatterete in monaci dalle tuniche colorate e in ruscelli dalle correnti impetuose.

Una volta arrivati nel monastero arroccato poi l’atmosfera raccolta e di calma vi rigenererà completamente.

Se questo inoltre non vi basta, una volta tornati a Paro dopo questa emozionante avventura, concedetevi un tradizionale dotshu bhutanese, ossia un bagno di pietre calde scaldate sui carboni ardenti.

Questo tipo di bagno caldo rilassante è presente anche negli hotel più piccoli e di sicuro sarà la conclusione perfetta per una giornata di faticoso ma soddisfacente trekking.

Il Bhutan è il classico esempio che fa capire che si può vivere felici con poco… basta soltanto essere felici internamente!

visitare monasteri Bhutan

La “Tana della Tigre” in tutto il suo isolato splendore…

La felicità vien pedalando (in Canada).

Altro Paese dove vivere felici a detta di molti e delle sopracitate classifiche è il Canada…

E come non possiamo allora parlare di una delle esperienze più incredibili da fare nel “Paese della foglia d’acero” ?!?!

Per la precisazione sto parlando dell’opportunità di scoprire in bicicletta un’intera isola sulla costa atlantica, unica nel Nord America ad aver bandito le automobili: Prince Edward Island!

L’isola si trova a poche ore da Quebec city, altra città piccolo paradiso in terraed è qualcosa di totalmente diverso dai soliti scenari canadesi.

L’atmosfera che si respira è quella di una natura selvaggia da scoprire con calma e il mezzo migliore per farlo è proprio la bicicletta.

L’intera isola è attraversata dal Confederation Trail, un agglomerato di percorsi che raggiunge i 470 km e che si sovrappone alla vecchia rete ferroviaria che tagliava in due l’intera isola.

Nel 1990 questo reticolo di sentieri è stato trasformato in un vero e proprio percorso escursionistico, possibile da percorrere a piedi o, ancor meglio, in bicicletta.

Il principale percorso è lungo 270 km e unisce da un capo all’altro l’isola attraversando il cuore rurale di Prince Edward Island e lambendo le coste ventose a picco sul mare.

Scorrazzando in bicicletta per questo angolo di Canada si può vivere una delle esperienze più rilassanti di una vita.

Se non avete una bicicletta con voi niente paura, in alcune delle città più “grandi” (la più grande è Charlottetown e supera a malapena i 40.000 abitanti) troverete svariati posti dove noleggiarla.

Le atmosfere pacate e rilassanti della Prince Edward Island. Picture by Dennis Jarvis.

Insomma scordatevi le fredde lande del Canada del Nord, mettete un sellino sotto il vostro sedere e partite alla scoperta (in solitaria e non) di uno degli angoli più piacevoli del Paese.

E questo è quanto gente!

Abbiamo viaggiato intorno al globo dalla Nuova Zelanda, al Bhutan fino al Canada cercando un luogo dove vivere felici o quantomeno vivere esperienze che possano avvicinarci alla tanto agognata condizione umana della felicità.

Il mondo è vasto e penso che prima o poi tutti trovino il luogo dove vivere felici e sentirsi realizzati.

I0 credo che il Paese perfetto non esista, ci sono sempre due lati della stessa medaglia.

Più che la felicità in un Paese, dovremmo cercarla e trovarla dentro di noi… possiamo cambiare casa, ma non possiamo cambiare noi stessi.

Quindi trovate la felicità nel luogo nel quale vivete a prescindere… e se non ci riuscite allora un bicchiere di vino ed un panino aiuteranno di certo….

[schema type=”person” name=”Davide Diana” url=”www.portalemondo.com” city=”Dublin” country=”IE” email=”portalemondo@gmail.com” ]

Rispondi

RELATED POSTS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: