Visitare Avignone in due giorni: breve guida alla città

Se volete visitare Avignone in due giorni e vi serve qualche consiglio allora niente paura, sono qui per questo! Ecco qualche dritta su come godere al meglio questa stupenda città della Provenza.

Ragazzi, ma quanto è bella Avignone!!!!

Questa stupenda cittadina è stata la seconda tappa del nostro viaggio in Provenza.

Dopo aver passato due giorni a Marsiglia, dove io e Apolline (la mia ragazza), siamo atterrati, ci siamo diretti alla volta di Avignone via treno, pagando la sciocchezza di 20 Euro a testa.

Se vi siete persi l’articolo su i miei due giorni a Marsiglia e le 10 cose da non perdere allora vi invito a dargli un’occhiata, soprattutto se siete interessati a fare un viaggio in Provenza. 😀

Comunque tornando a noi; il nostro piano prevedeva di fermarci due giorni e mezzo ad Avignone per poi noleggiare un’auto e partire alla scoperta delle campagne e dei campi di lavanda della Provenza.

Devo dire che questi due giorni forse sono stati i migliori di tutta la mia esperienza qui, nel sud della Francia.

E sto scrivendo questo articolo proprio per spiegarvi perché questa città deve finire nel vostro itinerario.

Prima di arrivare al sodo e di consigliarvi cosa visitare Avignone in due giorni voglio darvi qualche informazione base su come arrivare ad Avignone, quando e per quanto tempo stare.

Ma prima, ovviamente, l’immancabile Top & Flop di Portalemondo. 😀

Come, dove e quando visitare Avignone

Come arrivare ad Avignone?

Vicino ad Avignone si trova un aeroporto, ma è davvero piccolo e non penso sia ben connesso a tratte internazionali, quindi come fare?

La soluzione migliore è quella di arrivare a Marsiglia via aereo e prendere un treno.

Il biglietto costa poco e in meno di due ore vi troverete nella magnifica cittadina francese senza problemi.

Ovviamente vi consiglio l’acquisto del biglietto online.

Quando visitare Avignone?

Penso che Avignone sia bella tutto l’anno, ma se c’è un momento nel quale la cittadina risplende più che mai quello è luglio!

Luglio è il momento migliore per visitare Avignone!

Questo perché per le prime due settimane del mese estivo si tengono due festival teatrali fantastici: il Festival d’Avignone e il Festival Off.

Ovviamente a causa di questi due festival gli alloggi tendono a scarseggiare, quindi se volete visitare Avignone a luglio prenotate in anticipo!

Di questi due festival parlerò a breve, quindi se siete interessati continuate a leggere. 😀

Unico problema di visitare la città a luglio è il caldo: fa un caldo boia!!!

Avignone a luglio diventa un forno e anche a causa dei alti tassi di umidità non si respira.

Quindi io vi ho avvertito!

Quanti giorni servono per visitare Avignone?

Tre giorni sono più che sufficienti, ma anche due in teoria vanno più che bene.

cosa vedere ad Avignone

Visitare Avignone in due giorni

Giorno 1

Il nostro primo giorno ad Avignone è iniziato molto tardi; dopotutto eravamo in vacanza e non volevamo levatacce. 😀

Ci siamo messi subito a cercare un posto dove fare un buon brunch, vista l’ora, e lo abbiamo trovano in Chez Françoise, un bistrò perfetto per un pranzo veloce che si trova vicino Place Pie.

Il ristorante offre una vasta scelta di insalate, panini fatti al momento e piatti tipici della Provenza serviti caldi.

Vi consiglio anche i dolci e soprattutto la pasticceria; qui ho provato la mia prima (ed ultima) pannacotta alla lavanda. 🙂

A stomaco pieno ci siamo messi in cammino.

Abbiamo dedicato la nostra prima giornata ad Avignone ai luoghi simbolo della città.

visitare Avignone in due giorni

La nostra prima tappa è stato il Palais des Papes!

Se Avignone viene chiamata “La Città dei Papi” una ragione c’è: nel 1309 papa Clemente V spostò la sede papale da Roma ad Avignone.

Questo portò, oltre a ripercussioni socio-politiche non indifferenti (eccovi la storia di Avignone Città dei Papi), anche alla necessità di costruire un palazzo all’altezza dei pontefici dell’epoca.

Il Palais des Papes è stato uno dei musei più belli che abbia visitato in vita mia!

Il biglietto d’ingresso è di 12€ ma aggiungendo 2,5€ avrete anche accesso al celebre Ponte San Bénezet.

Un vero affare, calcolando che il ponte è un’altra meta imprescindibile ad Avignone.

Online troverete il biglietto per il Palais des Papes scontato e che vi farà saltare la fila.

Il palazzo è stupendo, un’esperienza interattiva incredibile.

All’ingresso vi sarà dato un Tablet interattivo, con tanto di audioguida e GPS: ogni volta che vi muoverete nel palazzo dal Tablet arriveranno informazioni sul luogo dove vi trovate.

Inoltre il Tablet opera a realtà aumentata e potrete vedere come le sale interne apparivano secoli fa.

Un’esperienza educativa soprattutto per i bambini che saranno coinvolti e stimolati da giochi e indovinelli.

Assolutamente da visitare!

La visita vi prenderà un paio d’ore e avrete anche accesso alla torre del palazzo dalla quale poter ammirare tutta la città!

Il Ponte San Bénezet

Visto che avevamo acquistato il biglietto completo la nostra seconda tappa ad Avignone è stato proprio il celebre ponte.

Non so se conoscete la famosa canzoncina sul “Pont d’Avignon” (basta sentirla una volta che ti entra nel cervello per sempre), ma ero davvero curioso di visitare questo famoso “mezzo” ponte.

Sì, “mezzo” perché nel 1669 una piena del fiume Rodano spazzò via gran parte della struttura, lasciandola monca.

Un gran peccato, perché il ponte alla sua massima estensione arrivava a 915 metri di lunghezza.

Alla fine il ponte non è nulla di che: potrete notare la piccola cappella dove San Bénezet, il pastore che volle il ponte dopo aver avuto un incarico divino, fare un giro lungo le mura della città e ammirare il Rodano da una prospettiva diversa.

Carino!

Il prezzo del biglietto è di 5€ (vi consiglio di prendere il biglietto che comprende il Palazzo e il Ponte, risparmierete di sicuro!)

Biglietto Pont d'Avignon

Una pausa ai Jardin des Doms

Dopo aver passato diverse ore a camminare sotto il sole cocente di luglio e avvolti dalla cappa di umidità di Avignone abbiamo iniziato a cercare un luogo dove rilassarci.

E per fortuna abbiamo trovato i Jardin des Doms.

Questo piccolo parco arroccato su di una collina è un luogo ideale non solo per un break, ma anche per ammirare Avignone dall’alto e scoprire anche la storia della città.

La Rocher des Doms, infatti, fu il primo avamposto umano ad Avignone, quindi rappresenta il luogo dove la città nacque e si sviluppò.

L’oasi verde è ricca di stagni, belvedere e troverete anche un bar dove potervi riposare e leggere un libro mentre sorseggiate un Diabolo, tipica bevanda francese, uno sciroppo dai gusti più disparati che viene allungato con della limonata.

Questo luogo è da visitare assolutamente, a prescindere dalla stagione!

Visto il caldo la nostra prima giornata ad Avignone è finita in anticipo.

Dopo una cena veloce però abbiamo deciso di uscire e vivere la città by night e devo dire sono rimasto sorpreso di quanto Avignone sia family friendly.

Ovunque c’erano artisti di strada e spettacoli, le gelaterie aperte fino a tardi (lasciamo stare i prezzi…) e nell’incantevole Place de l’Horologe si trova il Great Carousel, che trasforma i sogni dei vostri bambini in realtà. 😀

Una città a misura di bambino… mica male!

Giorno 2

La cosa bella di Avignone è che ti rende felice con poco!

Il secondo giorno ho deciso di svegliarmi un po’ prima del solito per godermi le strade sgombre dai turisti e le atmosfere tranquille e rilassate di Avignone.

E’ stata una delle esperienze più belle del mio viaggio in Francia.

Le atmosfere di Avignone sono fantastiche: stradine lastricate costeggiate da negozietti, piazze piene di alberi e panchine dove riposare, boulangerie che sfornano pane caldo e croissant e che diffondono ovunque un odore incredibile.

Camminare per le stradine di questa città mi ha reso felice e davvero vi consiglio di svegliarvi presto (anche alle otto, quindi niente di che) per godervi Avignone al meglio.

Io l’ho fatto finché non sono stato assalito dalla fame.

Il pranzo del nostro secondo giorno ad Avignone è stato particolare: abbiamo voluto assaggiare i sapori tipici della Provenza, quindi invece di buttarci in un ristorante siamo andati a Les Halles, il mercato cittadino di Avignone.

Non potete immaginare quanto ben di dio: saucisson, frutta ovunque, tapenade di ogni genere, formaggi a perdita d’occhio e… mi fermo qui, altrimenti mi viene fame e non posso continuare a scrivere.

Les Halles è il volto dell’Avignone più vera, per questo vi consiglio di farci un salto per provare quantomeno i prodotti tipici della Provenza e per immergervi nella vita quotidiana della città.

provare i sapori tipici Provenza

Visitare Avignone in treno

Si avete capito bene, in treno!

Se avete come noi pochi giorni per visitare Avignone allora una buona idea può essere quella del Petit Train, un delizioso trenino turistico che attraversa il centro storico della città.

Il biglietto costa 9€ a persona e l’itinerario dura 45 minuti.

So che starete pensando che si tratti di una trappola per turisti ma non è così.

Durante il tragitto vi verranno date interessanti informazioni tramite audioguide.

L’esperienza è educativa e intrattiene perfettamente, soprattutto se viaggiate con dei bambini.

Inoltre attraverserete aree della città molto belle e un po’ fuori mano, zone che mai tocchereste visto i due giorni a disposizione.

Avignone città dei festival

Come detto all’inizio dell’articolo durante le prime due settimane di luglio si tengono ad Avignone due festival del teatro e delle arti: il Festival d’Avignon e il Festival Off.

Durante questi 20 giorni la città si riempie di artisti ma soprattutto di dépliant di spettacoli teatrali.

Sono davvero tanti, ed a volte creano spettacoli suggestivi: quando eravamo sul Petit Train abbiamo visto interi muri coperti da manifesti.

Gli spettacoli sono tanti e di diversa natura: teatro, cabaret, musical, spettacoli musicali e molto altro.

Inoltre la città è piena di figuranti che vanno in giro a promuovere i propri spettacoli… davvero molto bello!

Se vi trovate ad Avignone a luglio allora vi consiglio di dedicare mezza giornata a scoprire i teatri della città; sono tanti e ovunque.

Un’altra esperienza che vi consiglio di mettere in lista se volete visitare Avignone!

festival teatrali ad Avignone

La migliore cena ad Avignone possibile!

Mentre il nostro secondo giorno ad Avignone giungeva al termine, Apolline ha deciso che dovevamo celebrare al meglio la nostra ultima sera nella città.

Per questa ragione abbiamo prenotato un tavolo al Vinotage, un wine bar che si trova su di un battello ormeggiato sul Rodano.

La location è un po’ fuori mano ma è anche davvero suggestiva.

Si tratta di una cornice fantastica dalla quale ammirare in lontananza la città e le sue mura bianche.

Il locale propone oltre a vini locali anche taglieri di salumi davvero buoni e prodotti di alta qualità a prezzi giustificati.

Insomma è stata una delle più belle serate in Provenza, tanto che mi sto commuovendo mentre le ricordo! 🙂

Ve la straconsiglio!!!!

Le mie aspettative su Avignone non sono state deluse!

Sapevo che si trattava di una piccola città medievale piena di storia e magia, ed è questo quello che ho trovato.

Non solo però!

Avignone è riuscita ad andare oltre, mostrandomi come una città possa essere a misura d’uomo, culturalmente propositiva e sappia valorizzare i propri tesori storici e culturali.

Datemi retta; visitare Avignone è molto più di un’esperienza turistica!

Buon viaggio!

Davide

Rispondi

RELATED POSTS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: