Visitare i Musei Vaticani: come saltare la fila!

visitare i Musei Vaticani e saltare la fila

Continuiamo a parlare di Roma: dopo avervi dato delle dritte su come visitare il Colosseo andiamo a scoprire un altro luogo imperdibile della capitale, ossia i Musei Vaticani. Ecco prezzi e dritte su come visitare i Musei Vaticani e come saltare la fila!

Un viaggio a Roma prima o poi è da fare nella vita; la capitale italiana è sicuramente uno dei luoghi che il mondo ci invidia.

Io sono del parere che non basterebbe una settimana per girare tutta la città e scoprire gli angoli più caratteristici che rendono Roma una metropoli magica.

Infatti molti limitano la loro esperienza di viaggio (soprattutto a causa della mancanza di tempo) ai monumenti più famosi e “blasonati”, tralasciando volutamente tutta una serie di posti assolutamente da scoprire.

Perché faccio questo discorso, soprattutto visto che sto per parlare dei Musei Vaticani?

Perché visitare i Musei Vaticani e la Cappella Sistina è una di quelle scelte da ponderare bene e che va presa non alla leggera!

Mi spiego: un turista una volta a Roma vorrebbe vedere, assaggiare e provare un po’ di tutto, ma come dicevo prima non tutti dispongono di molto tempo a disposizione.

Si decide quindi di vedere i luoghi e i monumenti più famosi e, molte volte, i Musei Vaticani vengono di proposito “evitati”.

Questo perché si tratta di uno dei musei più impegnativi al mondo da visitare: la fila per entrare è sempre impressionante, la calca all’interno è logorante e, cosa non meno importante, per godere al meglio dei tesori che sono custoditi ci vorrebbe un giorno intero.

Chi non ha a disposizione tanti giorni nella capitale quindi opta per qualcosa di più facile da raggiungere e vedere. GROSSO ERRORE.

Ma se si potesse saltare la fila ed entrare velocemente senza dover aspettare ore e ore!

Ecco allora qualche dritta su come visitare i Musei Vaticani e su come saltare la fila; perché non si può pensare di non visitare la Cappella Sistina, uno dei simboli italiani nel mondo e una vera e propria meraviglia!

visitare Musei Vaticani e Cappella Sistina

Visitare i Musei Vaticani: iniziamo dai prezzi!

Come ho già fatto per il Colosseo e l’Alhambra di Granata iniziamo dai biglietti d’ingresso.

E’ inutile scrivere di informazioni che potete trovare facilmente altrove, io invece vogliamo darvi delle preziose dritte e, sicuramente, la prima e più importante è la seguente: COMPRATE I BIGLIETTI ONLINE.

La fila che si trova davanti ai Musei Vaticani ha dell’incredibile; da bambino quando passavo lì davanti rimanevo impressionato.

Sto parlando di file di centinaia di metri che “intrappolano” i turisti per ore.

Ecco spiegato il perché abbiamo definito la scelta di visitare i Musei Vaticani una decisione da ponderare.

Però acquistando online i biglietti potrete saltare la fila; se volete entrare nei musei senza troppa fatica l’unico modo è questo.

Esistono diverse soluzioni…

La prima è quella di acquistare biglietti normali: con questi biglietti potrete entrare nei Musei Vaticani saltando la fila e scegliere una fascia oraria esclusiva (dalle 8 alle 15:30) nella quale accedere.

Potete tranquillamente usare il vostro smartphone per entrare, basterà mostrare i vostri biglietti sul telefono una volta all’ingresso.

La seconda opzione è quella dei biglietti last minute: se avete deciso all’ultimo di fare visita ai Musei Vaticani allora questi sono i biglietti che fanno per voi.

Sono poco più cari ma vi daranno la possibilità di un accesso di “emergenza”.

Infine i biglietti che comprendono la visita ai Musei Vaticani, ai giardini e alle Ville Pontificie: questa è la soluzione migliore se volete esplorare a fondo i Musei Vaticani e la Cappella Sistina.

Compreso nel biglietto c’è l’ingresso anticipato prima dell’aperta al pubblico, audioguide e la visita a Castel Gandolfo (con biglietto del treno compreso).

Insomma il pacchetto perfetto per questo tipo di esperienza!

interno dei Musei Vaticani a Roma

In ogni caso l’importante è entrare e, una volta varcata la soglia e preso il biglietto, vi si spalancherà un macro universo che mai avreste immaginato.

L’ingresso principale è più simile ad un aeroporto che alla hall di un museo.

Come ho detto la visita è lunghissima (il percorso base dentro i musei è lungo sui 7 km) quindi cerchiamo di capire cosa non si deve assolutamente saltare.

Infatti una volta che la stanchezza assale il turista la voglia di vedere e scoprire scema (dobbiamo sorvolare sulla storia dei musei, ma troverete le info seguendo un link in fondo pagina);

Cosa non perdere nei Musei Vaticani:

La Pinacoteca:

Cortile della Pigna

può essere visitata sia all’inizio del tour, sia alla sua fine; in ogni caso andate a vedere questa stupenda collezione di opere d’arte, quadri e arazzi.

Si tratta di una delle collezioni più belle al mondo e su tutte le opere, quelle che davvero spiccano sono “La Madonna di Foligno” e “La Trasfigurazione” entrambe di Raffaello Sanzio.

Oltre alle sue opere potrete ammirare capolavori di Giotto, Leonardo e Caravaggio.

Cortile della Pigna:

il cuore verde dei Musei Vaticani.

Un enorme cortile interno dove potersi riposare al sole con calma e magari prendere qualcosa di fresco nel piccolo bistrot che si trova lì.

Al centro è impossibile non notare “Sfera con sfera” l’opera di Arnaldo Pomodoro che si trova anche in altre parti del globo, come nel giardino del Trinity College a Dublino.

Sala degli animali:

dedicate qualche minuto a questa stupenda stanza piena di statue di marmo grandi e piccole raffiguranti animali.

I dettagli delle decine e decine di statue sono incredibili, vale la pena davvero fermarsi.

Museo Gregoriano Egizio: mummie Musei Vaticani

una delle collezioni sull’Antico Egitto più ricche e impressionanti del mondo.

Se amate la storia antica e siete affascinati da mummie e dalla cultura egizia allora non dovete salare questa serie di stanze.

Attenzione, la sala egizia non è ben visibile!

Galleria degli Arazzi: 

altro cavallo di battaglia dei Musei Vaticani, un corridoio lunghissimo coperto interamente da arazzi restaurati recentemente.

I disegni di molti arazzi sono di Leonardo da Vinci.

Galleria delle Carte Geografiche: 

un’altra galleria che mi è rimasta nel cuore, un corridoio con pareti affrescate da mappe di tutte le regioni italiane.

Davvero uno spettacolo unico (mi sono scordato di dirvi che in entrambe le gallerie le cose più spettacolari sono i soffitti affrescati con colori incredibili).

Sala Sobieski: 

una sala che vi accoglie subito dopo le gallerie, al suo interno si trova un imponente dipinto del re polacco Sobieski, che liberò Vienna dall’assedio Ottomano nel 1683.

Stanze di Raffaello: 

si tratta di 4 sale affrescate da Raffaello in persona.

In ordine di visita entrerete nella Sala di Costantino, la Sala di Eliodoro, la Sala della Segnatura e quella dell’Incendio di Borgo.

Museo d’arte religiosa moderna:

si trova prima della Cappella Sistina ed è pieno zeppo di opere di artisti importanti.

Van Gogh, Dalì, Gauguin, Matisse e davvero molti altri artisti che hanno fatto la storia.

Cappella Sistina: 

e poi c’è lei, il reale motivo che spinge molti a visitare i Musei Vaticani.

La Cappella Sistina è qualcosa che ti colpisce fino in fondo all’anima.

Entri e… soltanto brividi!

Non si può esprimere a voce o scrivendo, si deve vivere sulla propria pelle.

Ricordate, niente video e foto.

Questo è solo un piccolo accenno sui Musei Vaticani.

Io stesso arrivato ad un certo punto ho dovuto, vista la stanchezza, saltare molte stanze e gallerie del museo.

Il vero problema dei Musei Vaticani è il sovraffollamento: c’è gente ovunque e questo pregiudica molto l’esperienza del visitatore.

In alcune gallerie si va avanti a passo d’uomo e si è compressi nella folla.

Tuttavia questa è un’esperienza che si deve assolutamente fare se si sta visitando Roma.

I Musei Vaticani e la Cappella Sistina sono un tassello importante della nostra storia, di quello che siamo stati e di quello che saremo.

Buon viaggio.

 Un libro, un film una canzone:

  • Il tormento e l’estasi (1965) regia di Carol Reed.


Siti utili e fonti:

[schema type=”person” name=”Davide Diana” url=”www.portalemondo.com” city=”Rome” country=”IT” email=”portalemondo@gmail.com” ]

Rispondi

RELATED POSTS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: